Lo Scienziato In Tasca: Il Progetto BOINC

By | 24 luglio 2016

Esiste un brillante sistema per sentirsi un po’ scienziati senza particolari sforzi anzi… Per essere sul serio po’ scienziati!

Si chiama Berkeley Open Infrastructure for Network Computing ma è più conosciuto con l’acronimo BOINC ed è un sistema gratuito di calcolo distribuito.

Il calcolo distribuito, a grandi linee, è un metodo informatico nel quale un problema è diviso in molti compiti ognuno dei quali è risolto da un singolo computer.

BOINC è stato realizzato dagli Space Sciences Laboratory, diretto da David Anderson, dell’ università di Berkeley, California

In pratica preleva massicce moli di dati dai grandi progetti come il Climate Prediction (http://climateapps2.oucs.ox.ac.uk), il SETI (http://www.seti.org) o il Malaria Control (http://www.malariacontrol.net) e li frammenta in pacchetti più piccoli e più facilmente elaborabili.

E qui sta il bello dell’idea: chi elabora praticamente questi pacchetti più piccoli sono centinaia di migliaia di utenti volontari sparsi su tutto il pianeta che mettono a disposizione i tempi morti dei propri computer e cellulari. Chiunque abbia un PC o un cellulare è un potenziale collaboratore!

Gli utenti possono scegliere uno o più progetti ai quali aderire e collaborare attivamente alla ricerca scientifica in diversi settori quali la matematica, la medicina, la chimica la biologia molecolare, l’astrofisica e la climatologia.

Il ragionamento fatto da David Anderson è semplice e geniale: quando un computer di casa, di un ufficio o il cellulare non ha “niente da fare” spreca letteralmente tempo e corrente. Perchè non fargli usare questo tempo per macinare dati preziosi sgravando contemporaneamente i già sovraccarichi mainframe universitari o dei centri di ricerca?

Il team di Anderson ha quindi realizzato un piccolo software da installare sul proprio PC o sul cellulare. Questo software si incaricherà di prelevare il pacchetto di dati da elaborare ed una volta elaborato lo trasmetterà al centro di ricerca relativo, utilizzando dei server BOINC come intermediari.

Un sistema di crediti garantirà l’attribuzione e la convalida di eventuali risultati notevoli all’utente che ha effettuato la scoperta.

Esiste inoltre un sito dove gli utenti possono vedere le proprie statistiche di utilizzo e confrontarsi fra di loro in una sorta di amichevole e collaborativa gara.

Il progetto BOINC è iniziato nel Febbraio 2002 come supporto per il progetto SETI e poi si è espanso in moltissimi altri progetti.

Alla stregua di una piattaforma di “quasi-supercomputer”, BOINC conta circa 246.720 volontari, 433.769 computer attivi (hosts) intorno al mondo che elaborano una media di 166,234 PetaFLOPS (alla data del 22 gennaio 2016, fonte Wikipedia).

Perchè aderire? Perchè è utile. Perchè, diciamolo chiaramente, ormai si comprano computer e cellulari con potenze di calcolo impressionanti che non vengono sfruttate quasi mai e questa è una occasione quanto mai nobile e anche divertente (spesso le schermate sembrano quelle di un film di fantascienza, gli sviluppatori sanno come attirare l’attenzione!) di utilizzare un po’ di quella potenza di calcolo per fare buona scienza in maniera facile, gratuita e sentirsi parte di una comunità di “scienziati in erba” che aiutano concretamente i colleghi più impegnati.

Non è cosa da poco, se consideriamo il minimo sforzo richiesto!

BOINC è disponibile per Microsoft Windows, macOS, GNU/Linux e Android.

Sito ufficiale: https://boinc.berkeley.edu
Statistiche dei progetti: http://boincstats.com/it
Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/BOINC


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

Lascia un commento